La vita di ognuno  di noi è condizionata da destini e sentimenti che non sono veramente propri e personali; anche malattie gravi, il desiderio di morte e problemi sul lavoro, possono essere dovuti a irretimenti del sistema-famiglia e possono essere portati alla luce attraverso il processo delle Costellazioni Familiari.
Riprodotta da rappresentanti, che ricreano le interdipendenze esistenti tra i componenti di una famiglia o di un gruppo, questa ”messa in scena” va ad evidenziare le dinamiche inconsce che causano sofferenza in molti aspetti della vita di ciascuno: nelle relazioni affettive, nelle relazioni in ambito professionale, nel rapporto con il denaro e con la salute.
Nell’ideare la teoria della Costellazioni Familiari, Bert Hellinger parla di tre principi fondamentali presenti nel sistema familiare, i cosiddetti Ordini dell’Amore che sono: l’Appartenenza, l’Ordine e l’Equilibrio.
Nel sistema familiare c’è amore per tutti i suoi membri, compresi i dimenticati e gli esclusi, ma secondo Hellinger:

L’Amore è una parte dell’ordine, l’ordine precede l’amore, e l’amore può solo svilupparsi in base all’ordine. L’ordine è preposto. Se capovolgo questo rapporto e voglio trasformare l’ordine attraverso l’amore, sono destinato a fallire. Così non va. L’amore è subordinato a un ordine, e dopo può crescere. Così come il seme è subordinato al terreno e lì cresce e fiorisce. (Costellazioni familiari e sistemiche)

hellinger
Bert Hellinger, (Leimen Baden, 1925) scrittore e psicologo, teorico delle Costellazioni Familiari Sistemiche

Dare una descrizione completa ed esaustiva delle Costellazioni di Hellinger  in un semplice articolo, non è possibile per ovvie ragioni, di spazio e di tempo (e di lettura), ma prendere degli spunti di riflessione e “metabolizzarli”  lentamente, è un primo passo verso un modo differente di vedere il mondo e alcune nostre convinzioni. La frase che segue,  ci mette di fronte ad un modo di fare che per molti non è semplice, né facile:

Gerarchia: C’è chi viene prima e chi viene dopo. I figli non hanno diritto di giudicare i genitori. Questi vanno solo ringraziati per la vita ricevuta. Non giudicare permette di liberarsi del passato, soprattutto se si tratta di un passato di sofferenza, magari creato dai genitori stessi. I genitori danno, i figli prendono. Punto. Ognuno ha la propria storia e il proprio destino. (Ordine dell’amore, Costellazioni di Hellinger, Mira)

Eppure, quante volte abbiamo o giudichiamo i nostri genitori? Quante volte li giudichiamo responsabili della nostra “non riuscita” nella vita? Quante volte vengono ritenuti responsabili delle nostre sofferenze? E, ammesso che questi abbiano davvero causato delle sofferenze, giudicarli, secondo Hellinger, non è un diritto dei figli. Se, infatti si vogliono sciogliere dei nodi con il passato di sofferenza, è importante utilizzare un tipo energia “differente”, come quella dell’amore, ad esempio. L’uso dello stesso tipo di energia, mette in moto le leggi del karma… e la ruota gira…gira…

Fermarsi, lasciar andare il passato, significa ristabilire l’ordine e l’ordine è : I genitori danno, i figli prendono. Punto. Ognuno ha la propria storia e il proprio destino.

Rossella Tirimacco

 

Per chi volesse approfondire l’argomento sulle Costellazioni Familiari,  il link per acquistare il libro “Conoscere le Costellazioni Familiari”

Il manuale ” Costellazioni familiari sistemiche. Manuale di autoanalisi secondo il metodo di Bert Hellinger. Con questionari ed esercizi