C’ è stato un tempo in cui tutte le donne erano sacre.

Viste come dee, come Signore del proprio destino.

C’ è stato un tempo in cui il corpo era sacro, in cui il sesso era una preghiera.

C’ è stato un tempo in cui la donna era una strega, tessitrice, guaritrice, ostetrica.

La donna si immergeva nella natura, si profumava con gelsomino, andava a piedi nudi, correva libera…

Ballava per lei, ballava per la vita, ballava per sedurre, ballava per la sua fertilità.

La sua bellezza era il suo fascino…

Era dei poeti l’ispirazione e dei musicisti, canzone.

La donna era cuoca, mamma, sacra, ammirata.

ornava il suo corpo di pietre naturali, i colori della terra erano il suo belletto.

Dov’ è adesso questa donna?

In che fase della storia lei si è persa?

Dove dobbiamo cercarla?

In realtà, questa donna-Sacra esiste ancora!!!

È immersa in altre forme, in altre facce, in altri costumi.

I suoi rami sono stati potati, si è adeguata, schiavizzata… non ricorda… non riesce a riconoscersi.

Oggi questa donna è una donna d’affari, è un medico, avvocato, poliziotto, casalinga, politica, infermiera, scrittrice, stilista.

Lei è ancora qui, ma non si ricorda chi è veramente.

Ha perso la memoria.

Ha dimenticato la sua sacralità, la sua divinità, la sua superiorità… il suo essere Donna!

Torna in te donna, pettinati con la rugiada, togliti le scarpe dai piedi… torna a ballare con il vento, soddisfa i tuoi desideri, imponi la tua volontà.

Torna ad amarti, canta con tutto il fiato che hai in corpo.

Sentiti bella, amata, desiderata, appagata.

Presta orecchio e ascolta quello per cui tua anima anela.

Onora la dea, riconoscendoti in Lei…

Torna a vivere la tua vita, ad essere la signora assoluta del tuo destino.

Donna, dentro di te c’è il divino e tante dee, che tu ignori completamente.

Sarai fertile e materna come Demetra?

O vendicativa come le tre furie?

Travolgente e feroce, come le arpie…

O forse una strega, saggia e misteriosa come Ecate?

Sovrana e dotata di magia come Iside, madre degli egizi, oppure spietata, forte e coraggiosa come Kali?

Affascinante e misteriosa come le nereidi.

Forse curiosa come Pandora,

affidabile messaggera, come Iride.

O giusta come Temi?

Forse, sexy, impulsiva e completamente guidata dalla passione, come Afrodite…

Selvaggia come Artemide.

Oppure, sei tutte insieme!!!

Donna, ritorna. Salva il tuo ruolo, il tuo sacro femminile, la tua discendenza.

Non aver paura di seguire la luce, di mostrarti al sole e nemmeno di tuffarti nelle tenebre del mondo sotterraneo, dei falò, degli incantesimi.

Assaggi di tutti i regni ed i sapori, ma scegli di vivere intensamente ogni istante.

Segui i tuoi istinti… sii te stessa!!!

Clarissa Pinkola Estes